Rappresentante del Vaticano all’ONU: “Fermare il genocidio dei cristiani”

Il Vaticano dice sì all’uso della forza: “Fermare il genocidio dei cristiani”

tomasi

Contro il sedicente Stato islamico e “il genocidio” che commette a danno dei cristiani in Medio Oriente serve “una protezione più coordinata, che preveda l’uso della forza per fermare le mani dell’aggressore”. A parlare così è l’arcivescovo Silvano Tomasi, rappresentante del Vaticano all’Onu a Ginevra, in un’intervista rilasciata alla rivista cattolica Crux. “Dobbiamo fermare questo tipo di genocidio – ammonisce Tomasi – Altrimenti in futuro ci lamenteremo, chiedendoci perché non abbiamo fatto nulla, perché abbiamo permesso che accadesse una simile tragedia”.

Sì ALLA FORZA – L’arcivescovo – le cui parole riecheggiano quelle pronunciate nelle settimane scorse da Papa Francesco, secondo cui l’uso della forza è legittimo per fermare un aggressore ingiusto – sottolinea quindi che “sta alle Nazioni Unite ed ai suoi Paesi membri, specialmente quelli del Consiglio di sicurezza, determinare la forma esatta dell’intervento, ma la responsabilità (di agire) è chiara”. Ancora, il nunzio spiega che qualsiasi coalizione contro l’Is deve comprendere i Paesi musulmani del Medio Oriente, perché non può avere “un approccio occidentale”, e operare sotto l’egida dell’Onu.

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/mondo/papa-contro-genocidio-cristiani.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -