‘Ndrangheta, suicida il giudice Giusti. Era ai domiciliari

Condividi

 

giudice-suicida

 

L’ex gip del Tribunale di Palmi, Giancarlo Giusti, si è impiccato nella sua abitazione di Montepaone, il centro del Catanzarese dove viveva da alcuni mesi. Giusti era agli arresti domiciliari dopo essere stato accusato di essere coinvolto in due inchieste delle Dda di Milano e Catanzaro su suoi rapporti con esponenti della ‘ndrangheta.

Giusti, che aveva 48 anni, viveva a Montepaone da solo, da quando si era separato dalla moglie. Sul posto si trovano il pm di turno della Procura della Repubblica di Catanzaro e i carabinieri del Comando provinciale. L’ex giudice aveva già tentato il suicidio in carcere.

 

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -