Milano: ex Caserma Mameli occupata dagli anarchici, “E’ uno schifo”

caserma-mameli2

 

La ex caserma Mameli è stata occupata in queste ore da un gruppo di anarchici, che si definiscono ‘Pirati di Rho’. L’edificio, in viale Suzzani, era la sede del terzo Reggimento bersaglieri, l’unità più decorata d’Italia. Gli anarchici sono entrati nel perimetro dell’installazione militare con camper e roulotte e sembrano intenzionati a fare della ‘Mameli’ la loro nuova casa, secondo quanto annunciano sui social network.

E su Facebook si legge chiaramente l’indignazione della gente, soprattutto sul gruppo Facebook dei Bersaglieri: “È una vergogna, tutti a parlare di sicurezza, di vigilanza e poi dobbiamo assistere a una cosa del genere“.

caserma-mameli

La notizia riecheggia, in città, proprio nel giorno della visita del nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito che conferma l’arrivo di 600 soldati per Expo. “L’area non è più di nostra pertinenza – spiegano laconicamente i militari – dallo scorso dicembre è passata alla Cassa depositi e prestiti“.

“Ma che senso ha lasciarla andare a a pezzi?”, ricorda sul web un ex del reggimento. Qualcuno propone una “manifestazione”. Qualcun altro, in un eccesso di rabbia, di “andare noi a sgomberarla”. “Possibile che con tanti militari che pattugliano le strade non si possa vigilare queste tre caserme?” osservano molti. Ma purtroppo, una volta non più installazione militare, la ‘Mameli’ non è più nemmeno un ‘obbiettivo sensibile’ della città.

“Più volte l’attuale amministrazione comunale ha chiesto al Ministero della Difesa e al Demanio nazionale di poter riutilizzare questa e altre caserme inutilizzate presenti sul territorio comunale, anche con lettere già del 2012 e 2013 – sottolinea l’assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli -. Attualmente la caserma è di proprietà della Cassa Depositi e Prestiti e il Comune di Milano è sempre disponibile per collaborare per una riqualificazione dell’area. Io stesso, mercoledì appena informato dalla Polizia Locale e dal Consiglio di Zona 9 dell’avvenuta occupazione ho provveduto a far informare la proprietà e a interloquire con il Questore e la Prefettura, autorità competenti in questi casi per il contrasto a queste occupazioni abusive, per chiedere l’intervento e dare la massima collaborazione della Polizia Locale per quanto di competenza”.

milanotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -