Macerata: marocchino chiama la figlia Jihad, poi cambia idea

Condividi

 

moscheaChiamano la figlia Jihad, poi cambiano idea: “D’ora in poi sarà Giada”

Una bambina nata a Macerata di 10 anni si chiama Jihad. E’ la figlia di un marocchino che, a quel che dice, non avrebbe  inclinazione verso i fanatici dell’Islam, ma il nome negli ultimi tempi stava creando parecchi problemi.

A raccontare questa storia è il Fatto Quotidiano.

Al caso si sono interessati anche sindaco e sottosegretario all’Interno i quali si ostinano a dire che il nome non è riconducibile alla guerra Santa. I genitori ora chiedono di poterle cambiare nome.

Il termine Jihad ha vari significati, non solo “guerra santa” ma anche “lotta interiore spirituale per attingere una perfetta fede”. Sfumature che i compagni di classe della bambina non coglievano a quanto pare, rendendole la vita difficile.

A causa della “leggerezza” dei genitori, in quinta elementare la bimba ha dovuto cambiare identità: ora si chiamerà Giada.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -