63enne italiano senza luce, acqua e gas. Soccorritori lo trovano morto

morto

 

Treviso – Venerdì dal settore servizi sociali del Comune era partita la telefonata che gli doveva dare una bella notizia: un nuovo alloggio completo di allacciamento di acqua e riscaldamento.

A quella telefonata Alberto Gaggia, 63 anni, non ha mai risposto perchè era già privo di vita nell’appartamento di vicolo San Pancrazio a Treviso dove i vigili del fuoco lo hanno trovato lunedì sera.

Una storia di indigenza quella dell’uomo, ex operaio da tempo senza lavoro, che i servizi sociali stavano seguendo attentamente, soprattutto nell’ultimo periodo. Gaggia non era più in grado di pagare l’affitto al proprietario dell’appartamento in cui alloggiava e men che mai le bollette, al punto che gli erano stati staccati i contatori di acqua, luce e gas.

Proprio i tecnici del Comune si erano attivati per trovargli una nuova sistemazione. Preoccupati per le mancate risposte alle telefonate, i familiari, lunedì sera, hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco. E ben presto i loro sospetti e le loro preoccupazioni hanno trovato conferma. All’arrivo dei soccorritori, la macabra scoperta: Gaggia era morto già da qualche giorno. La data dell’addio all’ex dipendente di un’impresa di autodemolizioni non è ancora stata fissata.

andrea Zambenedetti il gazzettino

foto ilrestodelcarlino.it

foto ilrestodelcarlino.it

anzio4

Presunti profughi nei villini



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -