Rimini: sudamericano violenta la figlia, si converte all’islam e chiede di morire in Siria

Condividi

 

carcere

 

Condannato per violenza sessuale e procurato aborto della figlia, forse in un momento di delirio ha riferito di avere abbracciato la fede musulmana e, ammettendo le sua responsabilità, ha chiesto di essere spedito a Damasco per essere condannato a morte.

Protagonista della vicenda un 40enne sudamericano condannato dal Tribunale di Rimini a 6 anni e 4 mesi. L’uomo, nel 2012, aveva abusato della figlia 13enne, l’aveva messa incinta per poi costringerla ad abortire prima di fuggire in Svezia.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -