Rimini: sudamericano violenta la figlia, si converte all’islam e chiede di morire in Siria

carcere

 

Condannato per violenza sessuale e procurato aborto della figlia, forse in un momento di delirio ha riferito di avere abbracciato la fede musulmana e, ammettendo le sua responsabilità, ha chiesto di essere spedito a Damasco per essere condannato a morte.

Protagonista della vicenda un 40enne sudamericano condannato dal Tribunale di Rimini a 6 anni e 4 mesi. L’uomo, nel 2012, aveva abusato della figlia 13enne, l’aveva messa incinta per poi costringerla ad abortire prima di fuggire in Svezia.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -