Sydney, fermati in aeroporto due “nuovi australiani”. Volevano unirsi all’isis

 

Due fratelli australiani sono stati fermati all’aeroporto di Sydney perché sospettati di essere pronti a unirsi allo Stato Islamico. Secondo quanto ha riferito il ministro dell’immigrazione Peter Dutton, i ragazzi, di 16 e 17 anni, hanno insospettito gli agenti della dogana proprio per la loro età, mentre cercavano di imbarcarsi. I giovani sarebbero stati ‘indottrinati’ on-line ed erano diretti verso una non meglio identificata “zona di conflitto”, si è limitato a dire il ministro. “Sono bambini, non assassini. Non possiamo permettere che vadano a combattere in un Paese straniero per poi tornare con idee radicali“, ha aggiunto Dutton.

Per il primo ministro Tony Abbott, “si tratta di due maldestri giovani australiani, nati e cresciuti qui, andati a scuola qui, che hanno assimilato i nostri valori, ma che hanno ceduto alle lusinghe dell’Is ed erano sul punto di fare qualcosa di terribile e pericoloso. Sono contento che siano stati fermati”. Abbot ha quindi invitato “chiunque stia ascoltando il culto della morte a tapparsi le orecchie”. L’Australia stima che 90 dei suoi cittadini stiano combattendo con l’Is in Siria e in Iraq.

australia-jihadisti



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -