Genova: tunisino rifiutato massacrò a pugni 2 ragazzine. Arrestato

tunisinounisini

 

Aveva massacrato due ragazzine minorenni a pugni dopo che queste avevano rifiutato le sue avances in una discoteca di Quarto, nel levante di Genova. Per questo un 23enne tunisino è stato arrestato dalla polizia al termina di una lunga indagine.

Il Tunisino, completamente ubriaco, aveva colpito le ragazze a pugni, creando scompiglio nel locale e riuscendo a dileguarsi senza essere identificato. In seguito le vittime si erano recato presso il Commissariato Centro, dove avevano sporto denuncia e avevano fornito una foto dell’aggressore, estrapolata da una bacheca della discoteca presente su un social forum. Un particolare della foto ha subito attirato l’attenzione degli investigatori, la presenza sul braccio del sospettato di due vistosi tatuaggi.

Come riporta la polizia di stato, la violenza del pestaggio era stata tale che una delle due ragazze aveva quasi completamente perso la vista da un occhio. Ciò ha aggravato la posizione del malvivente, per il quale non si è più proceduto per il reato di lesione personale, ma per lesione gravissima, con l’aggravante della minore età della vittima.

Per  la gravità del fatto e la pericolosità del soggetto il Giudice per le Indagini Preliminari, accogliendo la richiesta del Pubblico Ministero, ha emesso il provvedimento cautelare, eseguito giovedì pomeriggio dagli agenti del Commissariato Foce-Sturla. Il 23enne è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Marassi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -