Immigrati, Gentiloni: rafforzare presenza navale di controllo e salvataggio in mare

gentiloni

 

Commentando la proposta di Léon di un ‘blocco navale’ delle coste libiche, il ministro degi Esteri, Paolo Gentiloni afferma: Per l’Italia “ora è cruciale che ci sia un buon esito del negoziato” a Rabat. Gentiloni poi sottolinea che le migrazioni e la minaccia terroristica “sono due aspetti diversi” e che per la presenza navale, la Marina italiana “sta facendo il suo lavoro normale” e che “se ci sarà un accordo” a Rabat “l’Europa deve rafforzare la presenza navale di controllo e di salvataggio in mare” per l’emergenza immigrazione.

Proprio nelle scorse ore Frontex, l’agenzia della Unione europea che si occupa di protezione delle frontiere, ha allertato sul fatto che 500mila-1 milione di persone sarebbero pronte a lasciare la Libia per approdare in Europa.

L’inviato ONU – “C’è una misura che l’Unione Europea può prendere subito: presidiare in forze il mare davanti alla Libia. L’Italia non può farlo da sola, ha bisogno di aiuto. Sono certo che il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite appoggerebbe l’iniziativa”. A dirlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è Bernardino Léon, l’inviato dell’Onu impegnato nella mediazione, in Marocco, tra le fazioni libiche per la creazione di un governo di unità nazionale in grado di arginare l’avanzata dell’Isis. Negoziati che proseguono, non senza qualche difficoltà, ma Léon precisa: “Cologo comunque un clima di moderato ottimismo”.
L’inviato dell’Onu giudica inoltre irrealistica, al momento, l’ipotesi di un intervento militare straniero nel Paese, compresa una missione di peacekeeping. “Stiamo lavorando a un’altra ipotesi: organizzare missioni di polizia con alto contenuto di specializzazione da schierare in diverse aree molte pericolose”.


   

 

 

3 Commenti per “Immigrati, Gentiloni: rafforzare presenza navale di controllo e salvataggio in mare”

  1. Bisogna confiscare tutte le case degli Italiani per sistemarci i milioni di clandestini in arrivo.

  2. Gentiloni da che parte stai? Dalla parte dell’Isis? O sei sordo? Ora persino l’Europa finalmente si è accorta dell’importanza urgentissima di bloccare per quello che si può i flussi enormi di clandestini in partenza dalla Libia per la nostra incolumità!!!! E tu parli ancora di soccorsi in mare! Ma non devono proprio neanche partire!!!! E poi come fai a dire con certezza assoluta chef flussi immigratori e terrorismo sono due cose diverse! Da dove l’hai pescata questa notizia demenziale?

  3. Credo che Gentiloni sia del tutto inadeguato al ruolo che gli ha affidato il buttero maremmano…è un codardo…un pavido terrorizzato dal fatto di poter perdere la poltrona…non ha alcuna esperienza è solo un miserabile burocrate che continua a parlare di salvataggi in mare…non ha capito un caxxo: che non devono partire e se partono devono tornare indietro ,nessun salvataggio ed importazione in Italia gentiloni è un pericolo pubblico.-

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -