Obama richiama un ambasciatore pensionato per seminare zizzania a Mosca

russia-John-Tefft-nemtsov

 

Scoppia la polemica dopo che l’ambasciatore statunitense in Russia John Tefft ha visitato il luogo dove è stato ucciso il politico dell’opposizione russa Boris Nemtsov. Secondo molti utenti di Twitter, Tefft, scortato dalle guardie del corpo, si sarebbe avvicinato ieri al luogo dell’omicidio e avrebbe posato dei fiori, legati con il bicolore ucraino. Ma il portavoce dell’ambasciata statunitense smentisce, marchiando le voci come “fake”, un falso.

Parlando ai giornalisti, Tefft aveva detto che, come i suoi colleghi di altre ambasciate, anche lui aveva deciso di andare lì per il tributo a Nemtsov e aveva sottolineato che il presidente americano Barack Obama, il segretario di Stato John Kerry, e altri politici hanno condannato l’uccisione di Nemtsov. Ma più che le parole, è stato il simbolo a scatenare gli utenti di Twitter. “L’ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca John Tefft piange “il grande patriota della Russia” Boris Nemtsov” scrive con non velato sarcasmo Igor Korotchenko, direttore del giornale “Difesa Nazionale” e del Centro per l’Analisi sul commercio mondiale delle armi. Ma ci sono commenti anche più pesanti. Un utente che si nasconde dietro il nickname @azuzuuu pubblica la foto di Tefft con la scritta: “i criminali tornano spesso sul luogo del delitto…”.

Nota era l’attività di Nemtsov a sostegno delle proteste scoppiate in Ucraina più di un anno fa e per alcuni non è casuale che il politico si accompagnasse con una modella ucraina, Anna Duritskaja al momento dell’omicidio. E in molti hanno anche lanciato accuse nei confronti di Nemtsov per i suoi stretti rapporti con l’Ovest.

A differenza del suo predecessore, l’ideologo del “reset” Michael McFaul, noto anche per le sue gaffe, Tefft è conosciuto come il fautore delle “rivoluzioni colorate” in Georgia e in Ucraina, ed è tra i falchi nelle relazioni con la Russia ed è già stato a Mosca nel 1996 come sostituto ambasciatore. Va notato che Tefft, per la verità, aveva già lasciato il servizio diplomatico nel 2013. Doveva essere in pensione. Ma è stato appositamente chiamato da Obama e inviato a Mosca, senza il consenso del Congresso degli Stati Uniti, strada che viene praticata solo nel caso di piena fiducia alla diplomazia da parte sia dei repubblicani che dei democratici.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -