Corte costituzionale: assistenza e accompagnamento anche a immigrati senza carta di soggiorno

immigra

 

Subordinare l’attribuzione di una prestazione assistenziale quale l’indennità di accompagnamento riconosciuta al cosiddetto cieco civile ventesimista, ossia parziale, al possesso della carta di soggiorno per gli extracomunitari è discriminatorio. Lo ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza n. 22 depositata il 27 febbraio (relatore Paolo Grossi).

A sollevare la questione di legittimità che investe l’articolo 80 della legge 388/2000 è stata la Corte d’appello di Bologna nell’ambito di un procedimento, ritenendo la disposizione «irragionevole» e in contrasto con la Costituzione.

Per la Corte, in sostanza, sarebbe «arduo giustificare, nella dimensione costituzionale della convivenza solidale, una condizione ostativa – inevitabilmente discriminatoria – che subordini al possesso della carta di soggiorno la fruizione di benefìci intrinsecamente raccordati alla necessità di assicurare a ciascuna persona, nella più ampia e compatibile misura, condizioni minime di vita e di salute». (sole24ore)



   

 

 

1 Commento per “Corte costituzionale: assistenza e accompagnamento anche a immigrati senza carta di soggiorno”

  1. Roberto Marceddu

    Loro sono tra noi, aspettano solo il momento opportuno per farci fuori e prendere il nostro posto, questo è normale in una società con una politica capitalista, dove vige la morale come contro natura ed il non essere.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -