Pozzallo: l’80-90% dei migranti sbarcati erano carcerati in Libia, casi di scabbia

scabbia

 

“Negli ultimi giorni sono arrivati a Pozzallo 3 sbarchi. Domenica sono arrivate 280 persone e lunedi’ 2 sbarchi da 100 e 150 persone. Quindi in poco tempo abbiamo visto piu’ di 500 persone che ci hanno raccontato di situazione in peggioramento in Libia”. A dirlo e’ stata Chiara Montaldo, coordinatrice di Medici Senza Frontiere in Sicilia, sull’isola da piu’ di un anno e dall’inizio di febbraio in servizio all’interno del centro d’accoglienza di Pozzallo, in provincia di Ragusa.

“Sono tutti adulti, in maggioranza uomini, alcune donne e un solo bambino con la mamma – ha riferito Montaldo -. Abbiamo riscontrato che sono tutti subsahariani e che le condizioni generali di salute erano discrete. Pero’ il dato che emergeva da tutti e’ quello di violenze subite, tantissime in carcere libico. L’80-90% ci ha riferito di essere stato in carcere per diversi mesi e hanno dolori, lesioni traumatiche, e malattie tipo scabbia che e’ sintomo di condizioni igieniche molto precarie”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -