Libia, possibile operazione internazionale ONU. Massima allerta in Italia

banki

 

L’intelligence italiana ha da tempo messo in campo tutta la sua rete informativa in Nord Africa, già prima degli ultimi eventi in Libia, ma dopo la presa di Sirte da parte dei miliziani del’Isis il monitoraggio sul posto – apprende l’Adnkronos da fonti qualificate– è stato ulteriormente rafforzato in chiave di prevenzione degli attentati terroristici. Anche se al momento, viene precisato, nonostante l’accelerazione degli eventi ad ovest della Cirenaica, “non emergono evidenze specifiche relative ad un possibile attentato” nel nostro Paese.

Il monitoraggio comprende anche il prelievo di oltre 1300 clandestini in meno di 24 ore?

Soccorsi sei gommoni con 600 clandestini in acque libiche

Comincia la fuga dalla Libia, prelevati 700 clandestini

Prosegue intanto l‘allertamento nelle basi italiane e la vigilanza è ai massimi livelli in corrispondenza degli obiettivi sensibili sul territorio, soprattutto quelli più direttamente esposti al pericolo del terrorismo di marca jihadista. Per ora resta in vigore la circolare diramata dal Viminale ai prefetti all’indomani degli attentati di gennaio in Francia, con i prefetti invitati a “individuare nell’ambito dei territori di rispettiva competenza gli obiettivi più sensibili, con particolare riguardo agli edifici di culto e di preghiera, sedi culturali religiose, redazioni di organi di informazione ritenute a rischio, strutture scolastiche che si caratterizzano per l’impostazione religiosa e ogni ulteriore sito che potrebbe costituire oggetto di minacce”.

Siria, logo Isis su aiuti alimentari del'Onu

Siria, logo Isis su aiuti alimentari del’Onu

Nel frattempo, riferiscono fonti bene informate, proseguono presso gli stati maggiori militari e il Coi (Comando Operativo di vertice Interforze) le predisposizioni di diverse ipotesi di intervento in vista di una possibile operazione internazionale in Libia sotto l’egida dell’Onu. Non si è ancora entrati nel dettaglio, la valutazione è ancora in fase preliminare e punta a predisporre un dispositivo di intervento immediatamente impiegabile nel caso in cui le Nazioni Unite decidano di varare una missione coinvolgendo forze militari di diversi Paesi. adnkronos

jihadisti Isis su veicoli dell'ONU

jihadisti Isis su veicoli dell’ONU



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -