Torino: aggredita e minacciata consigliera FdI “I fascisti qui non li vogliamo”

Patrizia-Alessi

 

Riconosciuta, minacciata e poi spintonata. Martedì sera il capogruppo di Fratelli d’Italia in circoscrizione Sette Patrizia Alessi è stata accerchiata e spaventata da una decina di giovani, appartenenti con tutta probabilità all’area anarchica. Il fattaccio nel difficile quartiere Aurora, ben noto a politici e forze dell’ordine per i problemi di ordine pubblico. Dallo spaccio all’emergenza sfratti e case occupate. Problemi di cui Alessi si è sempre occupata, andando spesso contro gli occupanti del vicino Asilo di via Alessandria e della palazzina di corso Giulio Cesare. Così quando il gruppo l’ha riconosciuta a due passi dalla sua abitazione, al termine di una assemblea condominiale, immediatamente è partita la vendetta.

In quattro-cinque, tra i 20 e i 30 anni, si sono piazzati davanti alla porta del locale. “Alessi vuoi uscire? Qui comandiamo noi. Il quartiere è nostro”. Ma una volta uscita la polemica è continuata nel viaggio verso casa. Il gruppo ha continuato a seguire la consigliera intonando i cori “I fascisti qui non li vogliamo” e “Fuori i fascisti e la polizia dal quartiere”. Poi qualcuno ha cominciato a strattonarla. E quando la donna ha cercato di salire in auto con il marito in tre hanno cercato di impedirle di entrare dentro il veicolo. La consigliera ha poi denunciato l’episodio alla Digos.

Parole dure sono invece arrivate dal capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale in Comune di Torino e in Regione Piemonte, Maurizio Marrone. “Si tratta di un episodio vergognoso, purtroppo non l’unico ma certamente tra i più gravi” così ha sbottato Marrone.

“I colpevoli sono i soliti noti dell’anarchia torinese – accusa ancora Marrone -. Sono al fianco della consigliera Alessi insieme a tutta la comunità piemontese di FdI, pretenderò misure concrete e immediate da prete di Prefettura e Questura a tutela della sua incolumità. Auspico che anche il consiglio comunale esprima unanime condanna dell’accaduto e solidarizzi con la nostra Capogruppo alla Circoscrizione 7. Del resto quando il Pd lamentava i danneggiamenti alle vetrine delle sue sezioni noi non abbiamo esitato ad esprimerci”

.torinotoday.it



   

 

 

4 Commenti per “Torino: aggredita e minacciata consigliera FdI “I fascisti qui non li vogliamo””

  1. I fascisti non li vogliono perché preferiscono i comunisti titini e nostrani che hanno riempito le foibe di italiani.

  2. Premetto da ex PD che non sono fascista non ho mai votato ne AN e ne FDI ma questi FDI sono meglio dei vostri compagni di Torino fate due conticini e tenetervi i PDioti e pagate anche per altri.

  3. Soldato di Lucera

    Cos’altro ci si dovrebbe aspettare? Dopo settant’anni le cose sono sempre le stesse….grazie ai traditori dentro e gli yankee fuori, abbiamo perso la guerra e con essa la sovranità, la pace, la nazione, la patria e questi sono i degni eredi dei farabutti di allora, millantati come eroi partigiani! Spadroneggiano, perché poss farlo….mica c’è il reato di apologia di brigantaggio partigiano! In compenso è reato professarsi fascisti.

  4. Non kapisto perkè definite “anarkici” degli skontati soliti banali “komunisti” ke kondividono quella politika penitente masokista paranoika parassitaria predatoria e fallimentare…..e non dimentikiamoci ke questo gruppetto non sonouna decina…..ma 30miglioni !!!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -