Calderoli: “La Kyenge mi ricorda un orango”. Negata l’autorizzazione a procedere

calderoli_kyenge

 

Vince Roberto Calderoli. La questione è quella ormai un po’ stagionata dell’insulto rivolto all’allora ministro dell’Integrazione, Cécile Kyenge: “Quando vedo la Kyenge non posso non pensare a un orango“, disse Calderoli nel corso di un comizio della Lega Nord a Treviso.

Apriti cielo. Ma oltre alle polemiche, chi dalle parole passò ai fatti, fu il Movimento 5 Stelle, che ha chiesto l’autorizzazione a procedere contro il Senatore per il reato di istigazione al razzismo e diffamazione. Ora, però, riporta libero – sul caso si è espressa la Giunta per le immunità del Senato, che ha rifiutato di concedere l’autorizzazione a procedere contro Calderoli.



   

 

 

2 Commenti per “Calderoli: “La Kyenge mi ricorda un orango”. Negata l’autorizzazione a procedere”

  1. I cinque stelle fanno ancora più pugnette dei comunisti.

  2. nico zerocinquenove

    Atto dovuto, ovviamente il fatto non era perseguibile

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -