Ucraina: ”mea culpa” di Kiev per il processo alla Tymoshenko

Tymoshenko

 

Il governo ucraino, rivoluzionato dalla rivolta di piazza dei mesi scorsi, fa ‘mea culpa’: dichiara che il processo all’ex premier Iulia Timoscenko per gli accordi del 2009 con Mosca per le forniture di metano fu politicizzato e violò numerosi diritti dell’imputata, e così la Corte europea dei diritti umani mette fine al ricorso presentato da colei che fu la pasionaria della ‘Rivoluzione arancione’ del 2004 contro la sentenza che l’aveva poi portata in carcere.

Ucraina, Wikileaks: Poroshenko era un informatore Usa

Tymoshenko: “Gli ucraini russi devono essere uccisi con armi nucleari”

La Corte ha deciso di cancellare dalla sua agenda il ricorso della Timoshenko sia perché l’ex premier ha accettato un accordo amichevole con governo di Kiev – ormai guidato da un suo alleato e sostenuto anche dal suo stesso partitino – sia perché ha riconosciuto i passi intrapresi dalle istituzioni attuale per seppellire definitivamente tutti i procedimenti a suo carico.

La Tymoshenko e famiglia hanno conti bancari in tutto il mondo

Julija Tymoshenko, il bluff: ambiziosa, scaltra e avida

Dopo un primo tentativo di accordo amichevole andato a vuoto sull’ammontare delle compensazioni economiche, la Timoshenko ha infine accettato la proposta del governo di una dichiarazione a suo favore. Dichiarazione che a Corte di Strasburgo ha ricevuto il 7 maggio 2014. Nella dichiarazione il governo guidato da Arseni Iatseniuk, ex delfino di ‘Iulia’, ha ammesso che “il processo penale contro Timoshenko è stato politicamente motivato”, come denunciato più volte da numerosi osservatori internazionali, e ha riconosciuto tutte le violazioni della convenzione europea dei diritti dell’uomo inserite nel suo ricorso. Tra queste, il diritto a un equo processo e quello a non essere condannati per un’azione o un’omissione che, al momento in cui è stata commessa, non costituiva reato secondo il diritto interno o quello internazionale. Ma anche la violazione del diritto della a non essere sottoposti a trattamenti degradanti e inumani, al rispetto della vita privata e familiare e alla libertà d’espressione.

Infine Kiev ha informato la Corte di Strasburgo delle varie misure prese per rimediare alle violazioni commesse nei riguardi di Iulia Timoshenko. La Corte tuttavia non ha specificato nella sua decisione quali siano queste misure né si è impegnata su concreti indennizzi economici. Si sa solo che la Timoshenko ha alla fine accettato con una lettera giunta alla Corte il 10 giugno 2014 quanto offerto dal governo di Kiev.(ANSA).



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -