Netanyahu: il nemico del mondo è l’islam radicale

Netanyahu

 

Il “nemico del mondo” non è l’islam ma l’islam radicale, in cui rientrano lo Stato islamico (ex Isil o Isis), al-Qaeda, ma anche Hamas e Hezbollah. Lo ha detto il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, parlando alla Grande sinagoga di Parigi, dove si è recato con il presidente francese François Hollande subito dopo la marcia repubblicana per partecipare a una cerimonia i onore delle persone uccise negli attacchi terroristi di questa settimana in Francia.

“Israele e l’Europa devono difendersi l’uno con l’altro nella lotta contro i radicali”, ha detto Netanyahu.Nel suo intervento, il premier israeliano ha elogiato in particolare Lassana Bathily, l’impiegato del negozio kosher di Port de Vincennes a Parigi divenuto famoso per avere aiutato diversi clienti a salvarsi durante la presa degli ostaggi di venerdì da parte del jihadista Amdey Coulibaly, che è stato poi ucciso nel blitz delle forze speciali. In quell’attacco sono morte quattro persone, membri della comunità ebraica.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -