Il petrolio a 50 dollari mette in ginocchio il settore “shale” USA

petrolio

 

a cura di Stefano Fugazzi (ABC Economics)

Nel bel mentre i mezzi di comunicazione di massa ci rassicurano che le basse quotazioni del petrolio sono sostanzialmente una buona notizia per tutti, dall’altra parte della trincea la prospettiva è molto diversa. Basterebbe chiedere agli operai del North Dakota (Stati Uniti d’America) quali sono le conseguenze del petrolio a 50 dollari: taglio dei salari, tagli al personale che lavora negli impianti petroliferi e via dicendo.

Di seguito riportiamo un estratto di un documento redatto dal Dipartimento Mineral Resources del North Dakota che il direttore Lynn Helms ha inviato alla House Appropriations Committee spiegando come alle valutazioni attuali del petrolio almeno la metà degli impianti attivi nello Stato stiano già operando in perdita.

shale



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -