Strage Hebdo, Bitonci “L’Islam condanni o vada via da Padova”

bitonci

 

“La tragedia ripugnante di Parigi mi interpella come uomo e come amministratore di una città europea, profondamente radicata nei valori cristiani del rispetto della vita umana, della fratellanza e della pace”. Il sindaco leghista di Padova, Massimo Bitonci, interviene in seguito all’attacco terroristico armato avvenuto mercoledì nel cuore della capitale francese, nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo. Due uomini, armati di kalashnikov, incappucciati e vestiti di nero, hanno fatto irruzione in redazione e, gridando “Vendicheremo il Profeta”, hanno aperto il fuoco contro giornalisti e dipendenti. Un vero e proprio massacro, che avrebbe provocato almeno dodici morti e una decina di feriti. Poi gli assalitori sono scappati a bordo di un’auto rubata.

“CONDANNINO, O VIA DA PADOVA”. “Per difendere questi valori, che nobilitano la nostra comunità e sono punto di riferimento per il suo sviluppo futuro, dobbiamo combattere insieme, senza timori e senza esitazioni – ha scritto in una nota il primo cittadino – Lancio un appello ai rappresentanti di tutti i gruppi musulmani della città: condannino l’attentato e i propositi dei terroristi o se ne vadano. A Padova non c’è posto per chi tace, per convenienza o collusione, di fronte ad una strage come quella di oggi. Se Dio è amore, come ci ha ricordato Benedetto XVI in una sua enciclica, l’odio e la violenza provengono dal maligno e non hanno alcuna giustificazione”.

padovaoggi.it



   

 

 

1 Commento per “Strage Hebdo, Bitonci “L’Islam condanni o vada via da Padova””

  1. Mi spiace che Bitonci non conosca l’islam, lui è convinto che i mussulmani abbiano i nostri stessi valori: onore, sincerità, ma non è così. Maometto organizzò più volte dei vili omicidi ed istruiva i suoi sicari a dissimulare l’appartenenza all’islam, anche di negare di essere islamici, per poter ingannare gli anti-islamici e così poterli uccidere più facilmente.
    Dunque per un mussulmano, la menzogna è parte integrante della religione, ha pure un nome è “taqiyya” l’inganno, l’abiura, sono considerati onorevoli, perfino l’omicidio, lo stupro, la riduzione in schiavitù degl’infedeli, sono ciò che vuole allah se il fine è uccidere gl’infedeli e diffondere l’islam.
    Noi occidentali, abbiamo come modello, il mite e buono Gesù, gli orientali il mite e buono Budda, gli islamici, invece hanno come modello di vita maometto, un sadico, assassino, un ladro, uno stupratore, uno schiavista, ma sopratutto bugiardo ed infido.
    Se Bitonci raccoglierà la condanna degli islamici al terrorismo, deve sapere che sicuramente tra quegli islamici ci sarà più d’uno che mentre condanna la violenza, sta pensando a come tagliargli la gola.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -