Georgia: prepariamoci ad un’altra ondata di menzogne USA-UE

nato-georgia

 

L’ambasciatore UE in Georgia descrive uno scenario in grado di creare nuovi focolai e nuove provocazioni da Guerra Fredda. Prepariamoci a nuove ondate di menzogna.

L’ambasciatore dell’Unione Europea a Tbilisi, signor Janos Herman, ha rilasciato un’intervista all’ANSA in cui dice che l’accordo di associazione tra UE e Georgia “riguarda tutta la Georgia, non una parte”.

Dunque le “cure” europee saranno destinate anche ai territori dell’Abkhazia e dell’Ossetia del Sud.

Le due Repubbliche indipendenti, riconosciute come tali dalla Russia, nel 2008, dopo l’aggressione della Georgia di Saakashvili, vengono definite dall’ambasciatore come “secessioniste”.

Le popolazioni locali “verranno coinvolte”. Come è facile immaginare, sicuramente senza chiedere il permesso ai governi locali, in quanto, appunto, “secessionisti”.

E’ l’annuncio di provocazioni prossime venture.

Del resto la NATO è già presente sul territorio georgiano, sebbene la Georgia non sia ancora un membro dell’Alleanza. Ufficialmente per esercitazioni congiunte e per corsi di formazione dei quadri militari, ma in sostanza per esercitare pressione e svolgere, all’occorrenza, funzioni di polizia.

Poi, quando le provocazioni verranno attuate, diranno che è la Russia che intende espandersi. Dunque prepariamoci a subire altre ondate di menzogne.

Giulietto Chiesa   Voce della Russia



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -