Brasile: turista piacentina strangolata sulla spiaggia di Jericoacoara

Gaia Molinari, 29enne piacentina appassionata di viaggi e volontariato, è stata assassinata in Brasile, dove era giunta alcune settimane fa con un’associazione del posto e dove insegnava inglese ai bambini e imparava il portoghese.

foto di Gaia Molinari pubblicata sul suo profilo Facebook

foto di Gaia Molinari pubblicata sul suo profilo Facebook

Un funzionario del luogo però dice che lavorava in un ostello situato a Rua João presso il signor Lopes, a Fortaleza Centro, in cambio di alloggio. Il funzionario ha spiegato che Gaia, attraverso un sito web, ha trovato lavoro a Hostel Rifugio in cambio di alloggio e lavorava in ufficio come receptionist o anche in cucina.
Sempre secondo il funzionario, lì Gaia avrebbe conosciuto Mirian França, di Rio, e le due sarebbero diventate amiche. La madre di Mirian, che abita a Rio de Janeiro, avrebbe dovuto fare un viaggio con la figlia alla spiaggia di Jericoacoara, ma poi ha rinunciato e Gaia è stato invitata al suo posto per il viaggio, dal momento che era stata già prenotato la stanza e l’italiana non avrebbe speso niente.

Il suo corpo è stato ritrovato il giorno di Natale da alcuni turisti tra le sterpaglie in un’area naturale di conservazione dell’ambiente chiusa alle auto (Área de Preservação Ambiental -APA), a Jijoca Jerocoacoara, a quasi 300 chilometri da Fortaleza, dove si trovava per alcuni giorni di vacanza con l’amica brasiliana, dallo scorso 21 dicembre.

Secondo Paola Bonelli, proprietaria della locanda dove alloggiava, Gaia aveva in programma di ripartire per Fortaleza il 24, e aveva già fatto il check-out, invece il giorno 24 è scomparsa e aveva addosso solo un bikini e un pareo. “Ho pensato che Gaia avesse rinunciato al viaggio e avesse deciso di trascorrere il Natale qui” – dice Paola.

Sempre secondo la proprietaria della locanda, Gaia è stata trovata il giorno di Natale alle 13.30 in Saw, solo con un bikini addosso e la sua borsa a tracolla, le mani nere e il viso completamente deformato. – Sembrava che fosse stata lapidata, e accanto al suo corpo c’era una fionda – ha detto.

“Quando siamo arrivati – sono le parole riportate dal sito Diariodonordeste – ​ abbiamo trovato la giovane”. “Era in un lago di sangue (ma dalle foto non sembrerebbe), forse è stata colpita al viso da una pietra”, ha detto il maresciallo Marco Rodrigues, comandante della Polizia Comunitaria nel villaggio di Jericoacoara. “Il suo corpo – riferisce la polizia – presentava dei graffi forse dovuti a una colluttazione”. E ci sarebbe un sospettato, ora ricercato, dice il maresciallo Rodriguez.A confermare l’omicidio di Gaia, anche la Questura di Piacenza, dopo aver ricevuto in tarda mattinata un’informativa dal Consolato italiano di Recife. Nell’informativa si precisa che il corpo della giovane si trova all’Istituto di Medicina legale di Sobral, nello Stato del Ceará, dove sarà effettuata l’autopsia.


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -