Jobs Act, Fassina (Pd) attacca Renzi: “Segue la Troika e svaluta il lavoro”

Jobs Act fassina

 

Duro attacco di Stefano Fassina a Renzi sul Jobs Act. Per il deputato Pd con “questa riforma il premier segue i dettati della Troika” e prosegue l’attività di Monti e Letta di “svalutazione del lavoro”. “Il vero valore aggiunto della Legge Delega e dei Decreti sta nella attribuzione di completa libertà di licenziamento alle imprese – ironizza -. Infatti nessuno rischia la strada del ‘disciplinare’ quando ‘l’economico’ è senza reintegro”.

“Purtroppo, i primi due decreti attuativi della Delega Lavoro confermano l’obiettivo vero dell’intervento: ulteriore svalutazione del lavoro, data l’impossibilità di svalutare la moneta, per puntare illusoriamente a crescere via export. Insomma, un’altra tappa del mercantilismo liberista raccomandato dalla Troika”, ribadisce Fassina sul blog dell’Huffington Post. “Non è una rivoluzione copernicana. E’ una rivoluzione conservatrice, un cambiamento regressivo”, attacca.

Entrando nel merito del Jobs Act, l’esponente della minoranza dem spiega: “Il provvedimento nasce all’insegna del contrasto alla precarietà. Ma è evidente che i precari sono tirati in campo strumentalmente per colpire chi nell’universo del lavoro non è ancora così arretrato e resiste alla riduzione delle retribuzioni e all’inasprimento delle condizioni di lavoro. Le decine di tipologie di contratti precari rimangono tutte, compresi co.co.co e co.co.pro. La sbandierata estensione degli ammortizzatori sociali alla platea degli esclusi non c’è. Non ci poteva essere, dato che la Legge di Stabilità non ha individuato risorse aggiuntive. Quindi, inevitabilmente, si ripropongono le norme della Legge Fornero con qualche ritocco al margine”.

Poi torna sui licenziamenti e ribadisce: “Anche quando un giudice rilevasse l’insussistenza di ragioni economiche per il licenziamento, si perde il diritto al reintegro e si ricevono due mensilità per anno di occupazione. La celebrata concessione sul reintegro per i licenziamenti disciplinari si rivela un guscio vuoto, nessuna impresa rischia la strada del disciplinare quando l’economico è senza rischio di reintegro”.

“Il governo Renzi sul lavoro segue l’agenda della Troika, dei conservatori e dei liberisti europei: si indebolisce ancor di più la capacità negoziale e, conseguentemente, la retribuzione del lavoro subordinato. E’ una strada iniqua e recessiva che, nel quadro di una Legge di Stabilità restrittiva, consolida uno scenario di stagnazione, disoccupazione e debito pubblico insostenibile”, conclude Fassina, aggiungendo: “Proposito per il nuovo anno: intensifichiamo l’impegno, anche attraverso la partecipazione diretta dei cittadini, per correggere la rotta, per una politica economica di sviluppo, rivalutazione del lavoro e della dignità della persona che lavora”. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -