Garlasco, Alberto Stasi condannato a 16 anni in appello

stasi

 

17 dic 2014 – Alberto Stasi e’ stato condannato a 16 anni di carcere. Lo hanno deciso i giudici della Corte D’Assise d’Appello di Milano che lo hanno condannato per omicidio volontario della fidanzata Chiara Poggi accogliendo solo in parte la richiesta del sostituto pg Laura Barbaini. La sentenza e’ arrivata dopo circa 5 ore di camera di consiglio.

Una condanna che arriva esattamente 5 anni dopo il verdetto di primo grado, emesso dal gup di Pavia il 17 dicembre 2009. Stasi era stato successivamente assolto anche in appello con una sentenza annullata dalla Cassazione che aveva a suo carico disposto un nuovo processo di secondo grado sottolinenando la necessita’ di una “valutazione complessiva e unitaria degli elementi acquisiti”.

Decisivi sono stati i nuovi elementi emersi nel corso di questo appello bis, indizi che hanno spinto i giudici ad emettere una sentenza di condanna. Era il 13 agosto 2007 quando l’allora bocconiano si reco’ dai carabinieri per denunciare l’assassinio della fidanzata Chiara Poggi, da lui stesso trovata morta in mezzo a un lago di sangue sui gradini della villetta di Via Pascoli. La prima sentenza di condanna per quell’omicidio arriva a piu’ di 7 anni da quel giorno. Tanto e’ servito alla giustizia italiana per dare un nome all’autore del delitto di Garlasco.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -