Mafia Capitale, nel rapporto dei Ros anche la senatrice PD Anna Finocchiaro

finocchiaro

 

12 dic – L’ex presidente del Senato, la catanese Anna Finocchiaro (PD), sarebbe essere stata al corrente delle “trattative” per gestire la gare d’appalto del centro profughi a Mineo, in provincia di Catania. Lo riferisce – come riportato dal quotidiano La Stampa e da altre testate nazionali che hanno subito ripreso la notizia – l’ex vicecapo di gabinetto di Walter Veltroni, Luca Odevaine, arrestato per corruzione e associazione mafiosa.

Il nome della senatrice, non coinvolta nell’inchiesta romana “Mafia Capitale”, emerge dal rapporto dei carabinieri del Ros relativo al centro profughi siciliano. “Una gara impegnativa questa, 150 milioni di euro…138…- dice Odevaine, componente del tavolo nazionale per l’immigrazione, intercettato dagli inquirenti mentre parla al telefono con Carmelo Parabita – è per la gestione di Mineo e se pensi che tutto il casino dell’Expo per 200 milioni….».

“L’altro ieri ho trovato la telefonata del sindaco di… di Ramacca, che strano, l’ho richiamato e lui mi ha detto ‘Sai avrei piacere di parlarti’. Chissà che cazzo vuole?! ‘Se vieni giù’ gli dico io e lui ‘eh allora ci incrociamo perché vorrei parlarti’ “. Parabita domanda: «Non credo sia per la gara..». E Odevaine: «E certo che è per la gara… per forza. Magari ha altri progetti in mente, ha bisogno di contatti qui a Roma con i Ministeri”. Odevaine replica: ‘Giovanni e il sindaco di Ramacca viaggiano insieme, secondo me mi volevano chiedere di non partecipare … perché siccome…”. “Sì poi sai l’imbarazzo se dopo la politica si mette sulla Commissione a fa’ casino…finora io, cioè finora tutte le cose”.

.cataniatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -