False le accuse di stupro, si riapre il processo per un operaio in carcere dal 2012

violenza3 dicembre 2014 – Una denuncia per violenza sessuale, l’arresto dell’ex fidanzato, le ritrattazioni inascoltate della vittima e una pesante sentenza di condanna per lui. Ecco i principali ingredienti di questo giallo. Ora la Corte d’appello di Bologna, competente nel valutare le sentenze dei giudici di Trieste ha deciso per la revisione del processo e domani valuterà le nuove prove, presentate dagli avvocati Andrea Bertucci e Gabriele Magno, difensori di un operaio kosovaro 34enne, condannato a 5 anni e detenuto da oltre due a Padova.

Nell’agosto 2001 una studentessa peruviana, oggi 32enne e domiciliata a Bologna, si presentò in questura a Trieste per denunciare l’ex : «Mi ha stuprato e minacciato con un coltello in un parco pubblico». Il ragazzo venne arrestato e si difese, spiegando che «il nostro era un incontro di chiarimento, il rapporto sessuale è stato consenziente».

Dopo soli sei giorni la ragazza ritrattò: «Non c’è stata violenza. L’ho denunciato per ripicca, mi tradiva con un’altra». A quel punto, la donna venne indagata per calunnia. Il pm chiese di revocare la misura cautelare per l’ex, ma il giudice si oppose. Finito a processo, nel 2004 l’imputato è stato condannato, in via definitiva, a cinque anni, e la ragazza venne scagionata. Lui è tornato nel suo paese d’origine ed è stato catturato nuovamente nel 2012 a Madrid, dove lavorava col fratello.

Oggi, però, i suoi legali contano di riaprire il caso. A partire da un colloquio tra il ragazzo e l’ex fidanzata, in carcere. Lei disse: «Non mi hai minacciata… Adesso starò sempre tutto il tempo con te… Posso dire a tutti che ho ancora il ragazzo?». Una circostanza che non venne presa in considerazione dai giudici: «Le trascrizioni, redatte all’epoca, delle intercettazioni – spiegano i legali Bertucci e Magno, presidente dell’Associazione nazionale vittime di errori giudiziari – erano incomplete e discordanti. La nuova perizia fonica conferma totalmente il tenore delle dichiarazioni rilasciate dalla donna alla polizia giudiziaria sei giorni dopo la denuncia, in cui ritrattò le accuse». restodelcarlino



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -