Pesta una poliziotta e le rompe il naso, marocchino libero. Siulp: “è rischio anarchia”

picchiata

 

2 DIC – La scarcerazione dell’aggressore di una poliziotta a Rimini è per il Siulp “la prova che se il governo non interviene immediatamente per ripristinare l’autorevolezza delle istituzioni, il rischio è di una anarchia totale“.

Il marocchino che sabato aggredì la poliziotta a pugni è stato processato per direttissima, ha chiesto i termini a difesa. Il giudice ha convalidato l’arresto senza misure restrittive. Il Siulp invita il governo a intervenire “per fermare questo clima di anarchia”.

Rimini: due nordafricani prendono a pugni una poliziotta e le rompono il naso

29 novembre – Una poliziotta ha riportato la frattura del naso dopo essere stata aggredita da due nordafricani.

Uno, di nazionalità marocchina, è stato arrestato, l’altro è riuscito a scappare. È accaduto verso le 14 in un parco cittadino. La donna, assistente capo della polizia, stava tornando a casa dopo avere staccato dal lavoro quando si è imbattuta in tre uomini che stavano infastidendo donne di nazionalità russa sedute su una panchina.

La poliziotta si è fatta avanti per difenderle, ma i tre stranieri non hanno desistito e hanno seguito le russe, che si sono allontanate per non essere più molestate.

A quel punto l’assistente capo si è qualificata, dicendo ai nordafricani di allontanarsi. Uno di loro è scappato, mentre gli altri due l’hanno aggredita, colpendola al volto con pugni, uno sul naso e uno vicino alla bocca.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -