G20: una banda di matti che gioca alla guerra

g20

 

20 nov – Mentre il Presidente cinese ammoniva sui legami tra lo sviluppo e la pace, i leader transatlantici al G20 hanno portato avanti le loro provocazioni contro la Russia, specialmente nel modo infantile in cui hanno trattato il Presidente Putin. Dapprima, parlando agli studenti, Barack Obama ha definito “l’aggressione russa contro l’Ucraina” una “minaccia al mondo, come abbiamo visto nell’atroce abbattimento dell’aereo malese”.

Questo – viene osservato dall’agenzia Eir -, da un capo di stato – quando ancora non è emersa alcuna prova su chi abbia abbattuto l’aereo e in quali condizioni. Al vertice, Obama si è rifiutato di incontrare la sua controparte russa, “concedendogli” solo alcuni minuti in piedi. Non è andato meglio con Angela Merkel, anche se il Cancelliere tedesco ha incontrato Putin per quasi quattro ore. Nei lunghi colloqui, tuttavia, non è stato fatto alcun progresso, il che significa che la Merkel non si è spostata di un millimetro dall’approccio unilaterale dettato da Washington.

Discutendo con i collaboratori il 16 novembre, Lyndon LaRouche ha avuto parole di fuoco per “quella folle signora che fa il Cancelliere della Germania, [che] ha creato un nuovo livello di guerra in Europa e al di là dell’Europa. Ella è colei che `stata usata dai britannici per organizzare la guerra allargata in Europa, in special modo diretta contro la Russia. Dovrebbe essere rimossa dalla carica”.

Nel frattempo, nella stessa Ucraina, il governo di Kiev, dopo aver ripreso a bombardare la sua popolazione nel Sud-Est del paese, è passato ad altri metodi di sterminio: il taglio di tutti i pagamenti, comprese le pensioni, alle popolazioni delle regioni orientali. I leader occidentali a Brisbane hanno dimostrato di essere completamente staccati dalla realtà. La politica anti-russa è uno dei principali motivi della loro crescente impopolarità, e tuttavia – conclude il servizio dell’Eir – insistono su quella politica. Non c’è da meravigliarsi se Putin ha lasciato il vertice in anticipo, prima di firmare la dichiarazione finale. Ma le conseguenze potrebbero risultare drammatiche in termini del pericolo per la pace mondiale. OPI



   

 

 

2 Commenti per “G20: una banda di matti che gioca alla guerra”

  1. E’ l’atto finale per dichiarare la guerra alla Russia: si dimenticano che la Russia ha fortissimi e potenti alleati come la Cina che Putin sta armando con mezzi bellici micidiali. Non si rendono conto, la neonazista Merdel per prima, che la guerra non sarà limitata nel teatro europeo ma verrà estesa fin all’interno degli USA. Come la penseranno i componenti del nuovo Parlamento USA a maggioranza repubblicana? A mio avviso, una sospensione del pericolo bellico innestato dal peggior presidente USA è nelle loro mani. Per gli europei, a parte sceneggiate di Cameron e Merkel, solo yes man succubi del guerrafondaio Obama, non abbiamo diplomatici all’altezza di farsi rispettare e portare avanti le istanze di chi la guerra non la vuole: meglio ignorare la inutile e inadeguata Mogherini che non è neanche in grado di rappresentare se stessa, altro che l’Europa.

  2. Beniamino Pozza

    Putin è l’ unico VERO uomo politico, l’ unico con il coraggio del leone condottiero, sarà colui che darà il colpo di grazia ai suinetti esaltati americani ed europei….FORZA PUTIN!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -