Borghezio: la UE monitorizzi la mafia rumena che gestisce droga, racket, bancomat clonati

borgheziokika2518436_jpg_41536887718 nov – Con un’interrogazione scritta alla Commissione Europea, l’On. Borghezio segnala il grave problema dell’attività della “mafia” rumena, denominata “Brigada”.

In particolare l’On. Borghezio scrive che “in Italia è stata smantellata l’organizzazione mafiosa rumena denominata «Brigada Oarza», con riti di affiliazione per sancire fratellanze di sangue e crimini commessi da boss legati da vincoli gerarchici e collegati a una casa madre in Romania“. “A Torino, in particolare, sono stati condannati 15 membri della banda della «Brigada Oarza» con pene fino a 15 anni per una serie di reati tra cui il 416 bis nonché per associazione a delinquere di stampo mafioso”.

L’On. Borghezio descrive anche i settori che “impegnava” la mafia rumena. “Oltre a gestire prostituzione, droga, racket, bancomat clonati, l’organizzazione controllava artisti e buttafuori nei locali. Per entrare nella “Brigada” l’aspirante adepto si sottoponeva a veri e propri riti di affiliazione. La struttura dellorganizzazione comprendeva i padrini, i generali, le frecce (esecutori), i nipoti (che raccoglievano i soldi dalle prostitute e compivano furti) e i gli sclav (bodyguard e assistenti dei boss).”

Borghezio chiede alla Commissione Europea se “è a conoscenza di questa organizzazione mafiosa rumena presente in Italia” e di “fornire una mappatura aggiornata delle eventuali attività di tale organizzazione in altri Paesi UE”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -