Imprenditore 48enne si impicca nel suo capannone: ucciso dalla crisi

suicidio17 nov – Ponte Pattoli, Ha deciso di farla finita sopraffatto dai mancati pagamenti, dai debiti che si stavano accumulando senza avere colpe, dall’incubo di non riuscire a pagare gli operai rimasti. E questo nonostante le commesse non mancassero. A 48 anni ha pensato che non sarebbe stato in grado di risollevarsi e così è andato nel suo capannone di buona mattina e si è impiccato. La ditta si occupava di infissi.

La crisi dunque ha ucciso un altro uomo, un altro imprenditore perugino di soli, lo ribadiamo, 48 anni: un uomo che si era fatto da solo e ora lascia una famiglia con tre figli. Il corpo lo hanno trovato i dipendenti entrando nel capannone industriale di Ponte Pattoli. Sul posto, poco prima delle 8 del 17 novembre, si sono recati i carabinieri e il personale del 118 che ha potuto constatare solo il decesso.

ILA GRANDE RABBIA – I dati sulla strage di imprenditori e non solo a causa della crisi sono snocciolati da federico Lupatelli di Confesercenti Perugia. “A questo punto bisogna domandarsi che cosa sta facendo la politica per fermare questi suicidi…”

perugiatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -