Isis, jihadisti decapitano uno dei loro miliziani: era accusato di furto

isis-decapitazione2

 

14 nov – I jihadisti dell’Isis hanno decapitato uno dei loro militanti accusato di malversazione e furto a Deir Ezzor, ricca provincia petrolifera della in Siria. Lo ha reso noto l’Osservatorio siriano per i diritti umani, aggiungendo che il corpo dell’uomo è stato appeso a una croce. Il gruppo ha distribuito una fotografia dell’uomo decapitato, il cui nome era Jalaybeeb Abu Muntather.

Un foglio con una scritta a mano attaccato su di lui dice che la sentenza è stata emessa dal “Comandante della fede”, nome con il quale i miliziani chiamno il loro leader Abu Bakr al-Baghdadi. Non è chiaro quale fosse il ruolo del giustiziato all’interno dell’Isis e quando è stato davvero ucciso, ma la sua morte viene riportata anche da social media e attivisti.
L’Osservatorio ha riferito inoltre che l’esecuzione è stata annunciata attraverso gli altoparlanti nelle zone sotto il controllo dell’Isis e che la vittima verrà comunque seppellita in un cimitero musulmano.
(fonte AFP).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -