India: sterilizzazioni di massa, proteste per la morte di 13 donne

India/ India, proteste a Raipur dopo la morte di 13 donne sterilizzate

 

12 nov – Negozi chiusi e commerci fermi a Raipur, capitale del Chattisgarh, dove decine di manifestanti hanno chiesto le dimissioni del capo dell’esecutivo di stato, Raman Singh, in seguito alla morte di 13 donne decedute dopo un’operazione di sterilizzazione di massa organizzata dalle autorità pubbliche. I dimostranti, membri dei partiti di opposizione, hanno urlato slogan contro Singh e hanno danneggiato alcune auto.

Oltre alle vittime, altre 14 donne versano in gravi condizioni dopo essersi sottoposte all’operazione, per la quale hanno ricevuto 1.400 rupie (circa 20 euro) di indennizzo. “Le prime constatazioni suggeriscono che all’origine del decesso ci sia stato uno shock settico. Sembra che il materiale utilizzato fosse infetto, stiamo aspettando il rapporto dell’inchiesta”, ha detto all’AFP un responsabile del governo locale, Amar Thakur.

Secondo la stampa, un medico e il suo assistente avrebbero operato 83 donne in cinque ore utilizzando lo stesso materiale per tutte. Alcune donne hanno testimoniato di essere state costrette a subire l’intervento. Le vittime hanno cominciato a vomitare e hanno avuto un collasso circolatorio dopo l’intervento effettuato per via laparoscopica, un procedimento considerato poco invasivo.

La sterilizzazione è uno dei metodi di pianificazione familiare più diffusi in India, dove le autorità organizzano spesso sterilizzazioni di massa per le donne che vivono nelle zone rurali. In teoria si tratta di atti volontari, ma secondo alcune organizzazioni internazionali le donne sono spesso poco informate e sottoposte a forti pressioni da parte dei funzionari locali. Inoltre, gli interventi avvengono frequentemente in condizioni igieniche precarie.

Il primo ministro Narendra Modi ha ordinato un’inchiesta e quattro funzionari responsabili della sanità del governo locale sono stati sospesi. La polizia ha anche presentato una denuncia contro il chirurgo responsabile delle operazioni.
(fonte AFP)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -