“Per la salute mangiare biologico è irrilevante e costa il 30% in piu'”

bio4 NOV – Per la salute mangiare biologico “è irrilevante ed è più costoso di circa il 30%”. Non ha dubbi Pietro Antonio Migliaccio, nutrizionista e presidente della Società italiana di scienza dell’alimentazione (Sisa) che all’Adnkronos spiega che non c’è una correlazione tra salute e bio. Secondo Migliaccio “da studi fatti si è visto che la quantità di nutrienti è uguale sia nel tradizionale che nel biologico. Non c’è una differenza“.

Di certo però “il bio fa bene all’ambiente ed è un aspetto da non trascurare” visto che “abbiamo bisogno di inquinare il meno possibile”. Capitolo ambiente a parte, però, i prodotti bio non aiutano a togliersi il medico di torno. La maggiore capacità antiossidante, secondo il nutrizionista, “non fa la differenza” e “l’aspettativa di vita è aumentata indipendentemente dal biologico”.

“Personalmente ritengo classista questo tipo di alimentazione, riservata solo a chi ha soldi. Non lo trovo giusto”. I prezzi “sono esagerati” e non sono giustificati da una maggiore sicurezza del prodotto: nel nostro paese, ricorda il nutrizionista, “tutti gli alimenti sono controllati” bio e non. Per la nostra salute è lo stile di vita che fa la differenza e il medico consiglia di investire di più in libri e visite in città d’arte: “Aumentiamo la cultura e allarghiamo la nostra conoscenza”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -