Radicali al congresso regalano marijuana, arriva la polizia e sequestra tutto

adnkronos  - Il palco di Chianciano

adnkronos – Il palco di Chianciano

 

2 novembre  – Agenti di polizia del Commissariato di Chianciano sono saliti ieri sul palco del tredicesimo Congresso di Radicali italiani per impedire alla segretaria Rita Bernardini di cedere sacchetti contenenti marijuana ad Andrea Trisciuoglio, affetto da sclerosi multipla e segretario dell’Associazione LapianTiamo Cannabis Social Club Racale (Le).

L’intervento -riferisce una nota del partito- è avvenuto intorno alle 13.15, mentre Rita Bernardini portava a termine l’azione conclusiva della terza disobbedienza civile sulla cannabis terapeutica, cedendo ai malati che ne necessitano, le bustine di marijuana provenienti dalle diciotto piantine coltivate da Marco Pannella, Laura Arconti e dalla stessa Rita Bernardini.

Congresso radicali: Napolitano scrive alla coltivatrice di cannabis

Deputata radicale coltiva marijuana sul terrazzo

Coltiva marijuana sul terrazzo, diventa segretaria dei radicali

Deputata radicale Rita Bernardini pianta semi di cannabis alla Camera

Quest’ultima ha espressamente invitato le Forze dell’Ordine, presenti in sala, a compiere il loro dovere e ad arrestarla per la coltivazione e la cessione di marijuana ai malati. Gli agenti hanno però impedito la cessione e hanno sequestrato le bustine con la cannabis, che ora saranno analizzate e inviate al pm.

“Da 30 anni chiediamo di essere arrestati – afferma Bernardini dal palco del Congresso – perché sia fatto nei nostri confronti quello che ogni giorno viene fatto ai privati cittadini, che vengono arrestati per coltivazione di cannabis. Vogliamo che le leggi dello Stato siano applicate e siano vive”. Infine ha ringraziato gli agenti di Polizia per aver fatto il loro dovere.

I Radicali, da sempre favorevoli alla legalizzazione delle sostanze stupefacenti, chiedono –attraverso questa terza disobbedienza civile– che sia reso effettivo l’accesso ai farmaci oggi solo teoricamente consentito dalla legge Turco del 2007: sono, infatti, solo 60 all’anno in tutta Italia i malati che riescono ad ottenere il Bedrocan, infiorescenze selezionate importate dall’Olanda, attraverso le Asl. Gli altri malati, se riescono a trovare il medico prescrittore, possono andarla ad acquistare presso le farmacie galeniche che la vendono al prezzo di 35 euro al grammo. L’unica soluzione sempre disponibile e illegale per chi non riesce a trovare beneficio dai farmaci tradizionali, è rivolgersi al mercato clandestino delle mafie.

“La spinta all’iniziativa – specifica Rita Bernardini – è venuta da Andrea Trisciuoglio e dall’Associazione no profit Lapiantiamo Cannabis Social Club Racale, in provincia di Lecce”. Trisciuoglio, dal palco del Congresso ricorda come non si stia parlando di “persone che si fanno le canne, ma di persone malate, che stanno per morire” ai quali si preferisce ora somministrare morfina, una sostanza che, se assunta a lungo, arreca effetti molto negativi alla persona.

Marco Pannella è intervenuto dicendo che “la non violenza è questo: lottare per far rispettare allo Stato le proprie leggi. Credo che nei prossimi 2/3 anni – conclude Pannella – noi otterremo a livello mondiale la legalizzazione”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -