Ultimo sfregio a Reyhaneh: niente funerale e nessuno vedrà con i suoi occhi

impiccata_Reyhaneh

 

29 ottobre – L’ultimo sfregio. L’ultimo desiderio, l’unico, di Reyhaneh Jabbari non è stato esaudito. La ventiseienne iraniana impiccata sabato per l’omicidio di un uomo che accusava di tentato stupro, aveva chiesto soltanto una cosa al suo Paese, lo stesso che aveva deciso per la sua morte. Lei – che non aveva mai smentito la tentata violenza, nonostante questo le avrebbe salvato la vita – avrebbe voluto donare i suoi organi. Avrebbe voluto che i suoi occhi, il suo cuore, i suoi reni donassero speranza ad altri. Non ha potuto neanche questo.

La struggente lettera di addio di Reyhaneh, impiccata per aver ucciso il suo stupratore

“Non voglio marcire sottoterra”, aveva detto in un messaggio audio registrato ad aprile, quando già aveva capito quale sarebbe stato il suo destino. “Fai di tutto – aveva chiesto a sua mamma – affinché il mio cuore, i reni, gli occhi, le ossa e qualunque altra cosa possa essere trapiantata vengano donati a qualcuno che ne ha bisogno”. Ma, ha denunciato la donna alla tv iraniana Manoto, non le è stato permesso.

Così come non le è stato permesso un funerale, né sono state concesse a famiglia e amici le ultime preghiere, una tradizione importante e sentita per i musulmani. Reyhaneh è stata seppellita domenica mattina nella sezione 98 del cimitero di Behesht-e Zahra, vicino alla città santa di Qom. Alla madre Shole è stato concesso di vedere per un attimo il volto di Reyhaneh, avvolta nel sudario. “Ho visto il collo, con i segni del cappio”, ha detto distrutta alla tv.

Nonostante il dolore, però, la donna ha trovato ancora la forza per difendere sua figlia. “Mortaza Sarbandi non era a pregare quando è stato ucciso, è stato ucciso perché voleva violentare Reyhaneh”. Una versione che la ventiseienne non ha mai cambiato. A costo della vita.

E ora sua mamma per parlarle, per salutarla, deve andare al cimitero di Qom, dove si dispera e grida il suo nome. Il tutto con un foulard turchese al collo. Anche questo le aveva chiesto Reyhaneh: “Non vestirti di nero al mio funerale mamma”. E lei, almeno lei, ha esaudito l’ultimo desiderio della donna morta per essersi difesa.

today.it



   

 

 

1 Commento per “Ultimo sfregio a Reyhaneh: niente funerale e nessuno vedrà con i suoi occhi”

  1. Da donna mi vergogno del genere umano…tutti a difendere l’indifendibile e quando davvero c’è la necessità di farlo nessuno e sottolineo nessuno sopratutto le paladine, o quelle che si ergono come tali, non usano i propri mezzi per affrontare queste questioni…
    Ogni volta che leggo questa storia mi si stringe il cuore….

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -