UE, respinta la proposta italiana di rivedere le sanzioni alla Russia

renzi

 

28 ottobre – L’Unione europea ha respinto la proposta avanzata dall’Italia, presidente di turno dell’Unione europea, di procedere subito a una revisione delle sanzioni imposte contro la Russia per la crisi in Ucraina. Lo riferisce il quotidiano russo Kommersant, che cita fonti diplomatiche. Non è passata dunque la linea del premier italiano Matteo Renzi che, la scorsa settimana, aveva sottolineato durante il Consiglio Ue la necessità di mitigare le sanzioni contro Mosca. Alcuni Paesi membri dell’Unione europea hanno avanzato obiezioni alla proposta, che per essere approvata necessita dell’unanimità dei leader, ha riferito la fonte. Ad opporsi sarebbero stati, tra gli altri, Polonia, Svezia e Paesi baltici. In considerazione dell’attuale situazione, è stato deciso inoltre che il tradizionale summit invernale Russia-Ue non avrà luogo.

L’Unione europea, si legge su Interfax, procederà oggi a una valutazione delle sanzioni imposte contro la Russia, durante la riunione a Bruxelles del Comitato dei rappresentanti permanenti (Coreper), ma una revisione di queste misure non dovrebbe arrivare prima di marzo 2015. “La Russia avrà una chance di cambiare direzione intorno al 15 marzo 2015. La questione è che la decisione del Consiglio europeo del 17 marzo 2014, per lanciare il primo pacchetto di sanzioni contro la Russia, prevedeva che le restrizioni sarebbero rimaste in vigore fino al 17 settembre. Poi, ai primi di settembre, il Consiglio europeo all’unanimità ha esteso il pacchetto fino al 15 marzo”, ha sottolineato una fonte al Kommersant.

Tra l’altro, secondo quanto si legge, non è esclusa una nuova tornata di sanzioni nel prossimo futuro. D’altra parte, molti paesi membri sarebbero delusi dall’ultima tornata di restrizioni economiche varate a settembre, dopo la sigla dell’accordo per il cessate il fuoco di Minsk. Un diplomatico europeo citato dal quotidiano ha spiegato comunque che Finlandia, Austria, Italia, Bulgaria, Slovacchia, Grecia, Cipro, Lussemburgo e, probabilmente altri, a marzo voteranno contro l’estensione per intero delle sanzioni. tmnews



   

 

 

4 Commenti per “UE, respinta la proposta italiana di rivedere le sanzioni alla Russia”

  1. E noi,respingiamo l’Europa finche siamo in tempo !!!

  2. Rivediamole noi unilateralmente, contro le dannose imposizioni della troika

  3. Le sanzioni non servono a nulla, vanno concellate nonmitgate. E un grazie a Putin per la Siria accompagnato da una proposta di tartativa per lUcraina e un progetto di annessione della Russia alla Comuntà Europea. Senza preclusion nemmeno verso la NATO. Queste sono trattive cnle palle caro fratello Matteo!
    Che le accettino o ce le rifiutino.L’Europa senza la Russia potete rimetterla nel cassetto da subito. Possibile che ci sia solo io in questo continente a capire queste cose?
    Ci riprovo con una immagine animata buona er i bambini… speriamo…
    http://www.losio.com/rue/Federalismo.html#vision

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -