Dati falsati nel 2011, rinviati a giudizio i manager di Standard & Poor’s e Fitch

Berlusconi

 

28 ottobre  – Le toghe, per una volta, danno una mano al Cav. Sono stati rinviati giudizio sei manager ed analisti di Standard & Poor’s e Fitch. L’accusa è quella di intenzionale manipolazione del mercato finanziario, aggravata dal fatto che è stata commessa ai danni dello Stato italiano e dall’ingente danno patrimoniale provocato.

Le analisi che potrebbero essere errate riguardano il 2011, l’anno in cui il governo Berlusconi fu messo sotto il fuoco delle agenzie di Raiting e costretto poi a novembre alle dimissioni. “Abbiamo la prova che è stata falsata l’informazione ai mercati finanziari” ha detto il pm chiedendo il rinvio a giudizio di analisti e manager dell’agenzia di rating Standard & Poor’s accusati di manipolazione del mercato”.

La vicenda – L’eventuale giudizio, va detto non è scontato e le probabilità di una condanna per i manager sono da verificare. Ma il rinvio a giudizio deciso dal tribunale di Trani alimenta in ogni caso i dubbi su un periodo opaco per il nostro Paese e per le sue finanze pubbliche. Nel 2011 ci fu sicuramente una speculazione intensa sui titoli di Stato italiani con lo spread che arrivò nel giro di poche settimane a 570 punti e il Tesoro firmò per mesi emissioni con interessi generosi. Ora spetta alla magistratura far luce su quell’estate calda che ha cambiato il corso della politica italiana. libero



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -