Da stakanovista operatore di call center, in aprile Bergoglio chiamò Pannella

novatican

25 ottobre  – Da stakanovista operatore di call center, in aprile Papa Francesco chiamò Marco Pannella. L’opinione pubblica rimase basita. A distanza di sei mesi, grazie ad una “sparata” che sta alla teologia come i cavoli a merenda “l’ergastolo è una pena di morte nascosta ” e “una forma di tortura è a volte quella che si applica mediante la reclusione in carceri di massima sicurezza” l’arcano è stato svelato.

Bergoglio non telefonò al padre dell’aborto e del divorzio (che in quel periodo si trovava in ospedale) per augurargli una pronta guarigione, ma per apprendere i “comandamenti” della morale laica radicale. Evidentemente, nelle tavole della legge dei radicali e del “Dio” Pannella, il papa delle periferie esistenziali ha individuato “diritti” superiori al vetusto accatastamento dottrinale cattolico. Può essere papa, chi si vergogna di condannare i peccatori, chi abolisce peccato e pena, e tresca con i nemici di Dio e della Chiesa?

Gianni Toffali

Bergoglio: No all’ergastolo, no al carcere, no al razzismo



   

 

 

1 Commento per “Da stakanovista operatore di call center, in aprile Bergoglio chiamò Pannella”

  1. A parte (per ora) l’argomento l’aborto, il papa e pannella la pensano allo stesso modo, magari hanno anche lo stesso sponsor: Soros.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -