Da Sochi Putin non risparmia sferzate a USA e UE. “Mosca guarda già altrove”

 

 

25 ottobre – Non ha risparmiato pesanti sferzate all’Occidente Vladimir Putin. Il presidente russo è intervenuto a Sochi all’undicesimo incontro annuale del Valdai Club, dal 2004 momento di incontro tra analisti, accademici e giornalisti esperti di Russia da tutto il mondo.

Tema di quest’anno l’ordine mondiale, che Stati Uniti e Unione europea – dice Putin – stanno destabilizzando per perseguire i propri interessi. Come in Ucraina:

“Nessuno ha voluto ascoltarci e parlare con noi. Gli Stati Uniti e l’Unione europea ci hanno detto che non sono affari nostri. Invece di un dialogo approfondito e civilizzato, hanno spinto fino al colpo di stato, hanno gettato il Paese nel caos, con la distruzione nella sfera economica e sociale, con una guerra civile e moltissime vittime”.

La crisi in Ucraina è solo uno degli esempi dell’egoismo e della visione unilaterale degli Stati Uniti, che – ha spiegato Putin – hanno giocato un ruolo determinante anche nella nascita e nello sviluppo dell’estremismo islamico.

E a proposito delle sanzioni contro la Russia il capo del Cremlino ha mostrato fiducia. A iniziare dai mercati asiatici, Mosca guarda già altrove. euronews

putin



   

 

 

1 Commento per “Da Sochi Putin non risparmia sferzate a USA e UE. “Mosca guarda già altrove””

  1. E che dovevamo aspettarci da Putin, dopo l’intrusione dei gurù del nuovo mondo che sperano di realizzare a scapito delle economie più deboli, tra cui la nostra, si sarebbe buttato nel pozzo per la disperazione? Ha già trovato nuovi alleati alla faccia loro, facendoci pagare care le sanzioni imposte dagli USA, in stile anni trenta come i plutocrati di allora, gli arroganti inglesi e francesi ci avevano imposto. Allora furono i tedeschi che ci avevano salvato e diventammo loro alleati in guerra, anche se poco convinti e impreparati, sperando in una guerra blitz e raccogliere i frutti di una vittoria in coda ai tedeschi, per una sorta di riconoscimento per il loro aiuto. Questo è il risultato delle illusioni degli USA, della Merdel e dei francesi: la storia si ripete anche se alcuni soggetti sono cambiati. Soltanto che Putin è molto più accorto e determinato e ce la sta facendo pagare salata. Paradossalmente in tutta l’Europa c’è una sola persona che potrebbe intervenire a nostro favore: il vituperato e perseguitato Berlusconi, l’unico rimasto fedele a Putin.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -