Islam, 15enne marocchina minacciata dalla madre “sei troppo moderna, ti ammazzo”

picchiata22 ott. – “Ti riporto in Marocco o ti ammazzo con le mie mani se non la smetti di frequentare quelle tue amiche”. Secondo la ricostruzione dei carabinieri e’ quanto si e’ sentita ripetere una quindicenne dalla sua mamma, una donna marocchina, che, insieme al marito, pretende di educarla secondo i rigidi dettami della religione islamica.

La famiglia vive in un comune dell’entroterra fanese: la ragazza e’ nata in Marocco e da 6 anni risiede in Italia e si e’ perfettamente integrata nella citta’ in cui vive; la mamma non parla l’italiano, non guarda la televisione, non si e’ inserita nel contesto sociale e gli atteggiamenti della figlia le appaiono incomprensibili. Il padre talvolta assiste silenzioso alle scenate, altre approva l’operato della madre.

Sarebbe tutta colpa delle amiche, che per la donna sono “prostitute e drogate”. All’ennesima minaccia, la quindicenne scappa di casa e chiede aiuto all’amica, presso la quale trova ospitalita’ e conforto. Quindi, insieme, decidono di parlare con la municipale e, vista la delicatezza del caso, con i carabinieri.

I militari scoprono che le minacce durano da tempo e che la ragazza si produce autolesioni con una lametta sul braccio: e’ piena di tagli, alcuni recenti, altri cicatrizzati, segno di un malessere che perdura da tempo. Una ricostruzione che ha portato alla denuncia dei genitori per abuso di mezzi di coercizione e disciplina. Contemporaneamente, con l’intervento di psicologi e assistenti sociali, e’ in atto un tentativo di avvicinamento graduale della figlia ai genitori, ora apparentemente disponibili a rimettere in discussione i loro comportamenti. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Islam, 15enne marocchina minacciata dalla madre “sei troppo moderna, ti ammazzo””

  1. “Apparentemente”….appunto….APPARENTEMENTE….mai sentito parlare di taqiya?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -