Pedofilia al campo Rom di Cosenza, 3 bambine vendute a un anziano

pedofCosenza, 20 ott. – I carabinieri di Cosenza hanno fermato tre persone per reati riguardanti abusi su minori. Si tratta di un 74enne, A.T, gia’ denunciato per gli stessi reati nell’agosto scorso, e dei genitori di alcune delle 4 bimbe coinvolte, I.L., 50 anni, e V.L., 46 anni, coppia di origine romena.

Le accuse sono, a vario titolo, di pedopornografia, abusi su minori, violenza sessuale, pornografia minorile e adescamento di minorenni. I due genitori avrebbero concesso all’anziano di abusare delle loro figlie di 11, 12 e 13 anni, tra cui una disabile, in cambio di denaro, una cifra che si aggirerebbe intorno ai 40.000 euro negli ultimi tre anni.

Coinvolta anche una quarta bimba di 11 anni, amica delle tre sorelline, ma i cui genitori erano all’oscuro della vicenda, tanto che adesso hanno anche loro denunciato l’anziano.

Le bimbe e i genitori vivono nel campo Rom di Cosenza, lungo il fiume Crati. All’anziano i militari hanno sequestrato numerosi video, nei quali con dovizia di particolari sarebbero documentati gli incontri avuti con le piccole, cui l’uomo regalava ricariche telefoniche, qualche euro e piccoli oggetti. Poi pero’ ricompensava generosamente i genitori delle tre.

E a quanto pare anche il padre delle sorelline avrebbe abusato delle figlie piu’ volte. I carabinieri stavano indagando sul caso quando, tre giorni fa, hanno saputo che i genitori delle bimbe, che erano scappati in Romania all’inizio delle indagini, erano tornati per prendere alcune delle loro cose lasciate nel campo. Da qui l’azione che ha portato ai fermi di oggi. Le indagini comunque continuano, perche’ i carabinieri credono che possano esserci altre persone coinvolte nella vicenda. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -