Doppio lavoro: 398 eurodeputati guadagnano tra i 5,8 e i 18,3 milioni di euro annui

parlamento-europeo-1

 

14 ottobre – Oltre la metà degli europarlamentari ha un doppio lavoro: più precisamente 398 di loro su 751 guadagnano, tra consulenze e incarichi vari, tra i 5,8 e i 18,3 milioni di euro annui, da aggiungere ovviamente allo stipendio di Bruxelles (mediamente 8000 euro mensili). Lo rende noto uno studio di Transparency International, un osservatorio indipendente con sede a Bruxelles che ha analizzato le informazioni disponibili su quanto hanno guadagnato, o meglio dichiarato di guadagnare, i parlamentari europei, nel triennio precedente alla loro elezione.

Obbiettivo del rapporto presentato oggi è fornire uno strumento quanto più aggiornato possibile sui componenti del Parlamento appena eletto, le loro entrate, in modo da monitorare eventuali conflitti d’interesse tra la loro attività legislativa e i propri affari personali.

Interessante notare come 15 di loro ammettono di guadagnare di più con il loro lavoro fuori dall’Aula che dentro. E che molte di queste attività vengono descritte spesso come ‘non retribuite’. La più ‘impegnata’ è una deputata liberale francese, Nathalie Griesbeck, che dichiara ben 68 attività esterne. Ovviamente non esiste alcun estremo di reato: resta solo il dubbio su come riesce a conciliare tutte questi incarichi con la normale attività legislativa.

Ma c’è anche chi si dedica esclusivamente all’attività parlamentare: sono 7, di cui due italiani, la grillina Giulia Moi e Daniele Viotti, Pd, che hanno lasciato in bianco la dichiarazione. E sono 46, tra cui l’azzurra Elisabetta Gardini, che hanno dichiarato meno di mille euro al mese, extra stipendio. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -