Mare nostrum sarà ampliata con l’Operazione Triton. 2,9 milioni di euro al mese

sbarchi

 

7 ottobre – Triton avrà un budget iniziale di circa 2,9 milioni di euro al mese, vedrà il via a inizio novembre, ma non sostituirà Mare Nostrum. Sarà un complemento. Spetta comunque all’Italia, che resta responsabile della salvaguardia delle proprie frontiere e delle operazioni di ricerca e salvataggio, decidere cosa fare di Mare Nostrum. Così fonti della commissione Ue sulla nuova operazione di Frontex nel Mediterraneo. L’area di competenza di Triton andrà 30 miglia oltre le acque territoriali italiane.

La nuova operazione Frontex sarà lanciata ad inizio novembre nel Mediterraneo. Gli Stati membri che hanno già dato la loro adesione sono Germania, Francia e Spagna, ma Frontex ha appena chiesto agli Stati membri le loro adesioni. Mare Nostrum è un’operazione militare italiana e Triton non sarà il suo sostituto. Sarà un sostegno aggiuntivo agli sforzi italiani. Si tratta dell’operazione più imponente mai lanciata da Frontex in mare, ed estendendosi 30 miglia oltre le acque territoriali, coprirà anche 18 miglia di acque internazionali.

Ora “spero che gli Stati membri ora ascoltino la richiesta di Frontex per avere più attrezzature e ufficiali stranieri, in modo che ‘Triton’ possa partire e agire al più presto. Il Mediterraneo è un mare europeo e una responsabilità europea”. E’ l’appello lanciato da Cecilia Malmstroem, commissaria agli affari interni nel giorno in cui la Commissione ha fornito i primi dettagli sull’operazione ‘Triton’. “L’Italia e l’Agenzia Frontex – spiega Malmstroem – stanno facendo buoni progressi nel preparare l’operazione congiunta Triton, coordinata da Frontex. Gli elementi principali sono stati ora concordati e Frontex ha inviato un invito per la partecipazione agli Stati membri dell’Unione europea.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -