Buffonate italiane: la cascata è rumorosa, multato il sindaco di Bellano

Sindaco multato per una cascata troppo rumorosa. Una sanzione da circa mille euro è piovuta sulla scrivania di Roberto Santalucia, primo cittadino di Bellano, in provincia di Lecco, paese che ospita un orrido (una gola scoscesa attraversata da un fiume che tra balzi e cascate crea un complesso spettacolo naturale) tra i più famosi in Italia, meta di 30mila visitatori ogni anno.

(L’orrido è una gola naturale, formatasi in 15 milioni di anni dalle acque del torrente Pioverna, che per erosione, ha scavato una gola profonda nel tratto tra Taceno, in Valsassina, e Bellano. La peculiarità dell’Orrido di Bellano consiste nella possibilità di percorrere un breve tratto all’interno della gola, utilizzando delle passerelle infisse nella roccia.)

 

5 ottobre – La vicenda parte dal reclamo di un cittadino che, evidentemente infastidito dal suono dell’acqua, ha chiamato l’Arpa perché effettuasse analisi acustiche.

Detto fatto: la cascata è risultata tanto rumorosa da superare i limiti concessi dalle norme. Così non solo la sanzione è arrivata in Comune ma, per aggiungere danno a beffa, ha innescato anche un incredibile cortocircuito burocratico. “Ho ricevuto la multa – spiega Santalucia – e una lettera dove Arpa mi dava due alternative: pagare oppure preparare degli scritti difensivi. Scritti che, però, avrei dovuto presentare a me stesso, poiché sono l’autorità competente in materia“.

Quindi, stando alla norma, il sindaco avrebbe dovuto leggere i propri documenti e decidere se autorizzare l’ammenda oppure optare per il “non luogo a procedere”, di fatto cancellandosi, nel pieno rispetto delle regole, ogni onere. “Più che kafkiana è una situazione stupida – dice sconsolato Santalucia – ma non voglio prestarmi a questi giochi”. Così il primo cittadino ha rimesso le carte in gioco e tentato la terza via chiedendo ad Arpa di ritirare il provvedimento.

“La disposizione – spiega – è sbagliata nel merito: il proprietario della cascata è una società idroelettrica privata e non il Comune, inoltre la quantità d’acqua rilasciata è stabilita dalla Regione. E poi c’è un errore di metodo, gli Enti dovrebbero collaborare tra loro per arrivare a una soluzione, non sanzionare senza un confronto reciproco”.

La vicenda è finita al centro di una lunga e articolata lettera che, il 30 settembre, Santalucia ha inviato al prefetto di Lecco, al governatore lombardo, Roberto Maroni e al primo ministro, Matteo Renzi. Al di là di ogni questione tecnica e burocratica Santalucia non nasconde l’amarezza e parla apertamente di dimissioni. “Vorrei che un amministratore non finisse in situazioni del genere – dice – E’ necessario collaborare e non battagliare tra Enti”. Per quanto riguarda il cittadino che ha dato il via a tutto nessun rancore però: “Era nei suoi pieni diritti fare quanto ha fatto”.

Vero, domani però qualcuno potrebbe presentare protesta contro i tuoni, le maree o gli stormi di uccelli.

Davide Cantoni per repubblica

cascata

Condividi l'articolo

 



   

4 Commenti per “Buffonate italiane: la cascata è rumorosa, multato il sindaco di Bellano”

  1. L’Orrido, ambiente favoloso, ho avuto modo di visitarlo qualche anno fa! Faccio due semplici constatazioni: Pretendere di regolare i decibel di una cascata per ottenere un livello acustico entro le norme di legge (fatte dall’uomo) è da anormali, perchè ad ogni temporale o nubifragio i decibel variano di conseguenza. In oltre, siccome che la cascata dell’Orrido è millenaria, il cittadino che vi è andato ad abitare vicino non poteva fare una scelta abitativa lontana da quel luogo? O l’ha obbligato qualcuno a risiedere lì!

  2. La burocraziua deficiente e malvagia è il male dell’Italia.
    Togliete potere ai burocrati scemi e indifferenti ai problemi che creano.
    Semplificate la burocrazia.
    Ricordo che un uomo si uccise perché non poteva pagare 60 mila euro.
    Mandarono l’ingiunzione a pagare alla vedova!
    Come dire:
    “Suicidati pure tu!”
    Non c’è niente di più spietato e senza cuore di un burocrate annoiato dietro una scrivania.
    Eliminiamoli il più possibile.
    Braccia tolte all’agricoltura.
    Secondo me.

  3. Agrippino Salemi

    Il cittadino che si è lamentato, per caso non vive troppo vicino alla cascata? Rispetta i trecento metri di distanza? E’ autorizzato a stare dove sta? O ci sta in seguito a qualche sanatoria?

  4. Tutta la nostra solidarietà. ARPA dovrebbe guardare ben altre cose molto più importanti, che vi assicuro ce ne sono !!!!!

    queste sono i nostri ENTI , bella roba !!!!!!!!!!!!!!!
    .

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -