Giallo a Fiumicino: spariti 35 algerini, fuggiti dopo l’atterraggio

fiumicino

 

2 ottobre – Trentacinque algerini arrivati all’aeroporto di Fiumicino, provenienti da Algeri o Istanbul, hanno fatto perdere le loro tracce dopo l’atterraggio. L’episodio, secondo “Il Messaggero”, è avvenuto a settembre. I nordafricani sarebbero scesi dall’aereo e poi sarebbero scappati prima del controllo dei documenti: non sarebbero saliti sulle navette che portano in aerostazione e alcuni avrebbero indossato tute come quelle del personale aeroportuale di terra.

I passeggeri nordafricani, stando alla denuncia presentata dalla Polaria, sarebbero scesi dall’aereo e poi scappati eludendo il controllo dei documenti: non sarebbero saliti sulle navette che portano in aerostazione e alcuni avrebbero addirittura indossato tute come quelle utilizzate dal personale aeroportuale di terra per confondersi con gli operatori che scaricano i bagagli.

Altri ancora avrebbero scavalcato le recinzioni dell’aeroporto. Una storia che gli agenti della Polaria avrebbero raccontato in assemblea chiedendo, a quanto riportato nell’articolo, l’intervento del capo della polizia Alessandro Pansa. Secondo Andrea Margelletti, presidente del CeSi (Centro studi internazionali) le sparizioni di Fiumicino sarebbero legate al traffico umano dell’immigrazione clandestina o alla malavita organizzata.



   

 

 

2 Commenti per “Giallo a Fiumicino: spariti 35 algerini, fuggiti dopo l’atterraggio”

  1. Mi si scusi il pensierino…cattivo : E SE FOSSERO TERRORISTI ? Ma dei passeggeri di quel volo, non esiste(va) una lista d’imbarco ? E CHI,ai piedi della scaletta,si è messo a distribuire tute del personale aeroportuale di terra senza che nessuno se ne sia accorto ? Viva “l’iTAGLIA” !!!!

  2. ” RECINZIONI” di massima sicurezza, addirittura INVALICABILI…

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -