Arrestato dai carabinieri e sedato coi calmanti: muore 70enne

Arrestato dai carabinieri e sedato coi calmanti: morto a Torino

ambulTORINO, 25 settembre – Quelle due dosi di calmante sarebbero servite per fermare la sua follia. Quelle due dosi di calmante potrebbero averlo ucciso. Giallo a Sant’Ambrogio, nel torinese, dove un uomo di settant’anni è morto dopo essere stato sottoposto a “trattamento sanitario obbligatorio”.

Mercoledì pomeriggio, il pensionato, affetto da tempo da problemi psichiatrici, avrebbe bucato le gomme dell’auto del vicino di casa e avrebbe cominciato ad inveire contro i passanti in strada.

All’arrivo dei carabinieri – allertati dalla sorella della vittima – l’uomo si sarebbe scagliato anche contro gli agenti, cercando di colpirli con una scala di ferro. A quel punto, il settantenne è stato ammanettato e sottoposto a “Tso”. Su richiesta dei carabinieri e della sorella dell’uomo, è intervenuto sul posto il medico psichiatra del servizio salute mentale di Avigliana che ha iniettato all’uomo due dosi di calmanti per sedarlo.

Sarebbe stato proprio il calmante a causare al settantenne una crisi respiratoria, che gli è costata la vita. Gli operatori del 118 intervenuti, infatti, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. (da TorinoToday)

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -