Grasso, “la riforma della giustizia non sia fatta contro i magistrati”

grasso

 

24 set. – “La riforma della giustizia non puo’ essere punitiva nei confronti delle varie categorie. Non si puo’ fare contro gli avvocati, e tanto meno contro i magistrati”. Lo ha affermato il presidente del Senato, Pietro Grasso, intervistato dal Corriere della Sera.

“La magistratura – ha detto Grasso – viene raffigurata come una classe che ha potere e privilegi; ma ci sono giudici che non hanno neppure l’ufficio, lavorano a casa. In realta’, la magistratura non puo’ avere consenso, perche’ e’ destinata a scontentare sempre qualcuno: l’imputato, i suoi familiari, i suoi avvocati. Anche nel civile, c’e’ sempre una parte che perde. La prova sono i regali di Natale. I burocrati li ricevono, i politici pure. I magistrati, almeno quelli che conosco io, no“.

Per abbreviare le cause, secondo Grasso, “e’ fondamentale riformare i motivi del ricorso in Cassazione, che troppo spesso oggi viene fatto per ritardare i tempi. Si possono poi semplificare le motivazioni, che altri Paesi non hanno o sintetizzano in forme estremamente concise; mentre in Italia il difetto di motivazione e’ una delle cause del ricorso in Cassazione, che cosi’ diventa un terzo grado di giudizio di merito”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -