Turchia: 40mila ragazzi costretti a frequentare scuole islamiche

imam-hatip

 

19 SET – In Turchia circa 40mila ragazzi sono stati iscritti d’ufficio, contro la volontà delle loro famiglie, in scuole religiose islamiche, le imam-hatip, riferisce oggi la stampa non governativa.

Secondo l’autorevole quotidiano indipendente Taraf, forti polemiche agitano l’inizio del nuovo anno scolastico, e migliaia di famiglie rifiutano che i loro figli siano costretti a seguire una educazione religiosa e chiedono il loro trasferimento. Le scuole imam-hatip si sono moltiplicate sotto il governo del partito islamico Akp, al potere dal 2002, del presidente Recep Tayyip Erdogan, che l’opposizione accusa di voler ‘reislamizzare’ le istituzioni del paese.

Napolitano: spero che la Turchia entri presto in Europa

Napolitano: “Il posto della Turchia è in Europa”

Fra gli studenti iscritti d’ufficio nelle scuole religiose islamiche sunnite figurano anche molti ragazzi della minoranza alevita, una ramificazione liberale dell’Islam, che non si riconosce nella religione sunnita maggioritaria in Turchia. La comunita’ alevita, rileva Taraf, denuncia un tentativo di “assimilazione” forzata.

Hanno suscitato polemiche anche recenti dichiarazioni del ministro dell’educazione Nabi Avci, il quale ha indicato che ci saranno sale di preghiera in tutte le scuole del paese. Avci ha pero’ precisato che la preghiera non sara’ obblicatoria nelle scuole. La Corte europea dei Diritti Umani ha condannato negli ultimi giorni la Turchia per l’introduzione negli ultimi anni di corsi di religione islamica sunnita obbligatori in tutte le scuole. (ANSAmed).



   

 

 

1 Commento per “Turchia: 40mila ragazzi costretti a frequentare scuole islamiche”

  1. Giorgio Bongiorno

    Se Napolitano pensasse ai fatti di casa sua!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -