L’Italia muore. La Camera si occupa di ius soli e voto agli immigrati

boldrinn

 

17  settembre – Sabato scorso, intervenendo a Palermo alla festa nazionale di Sel, la presidente della Camera Laura Boldrini ne ha auspicato una rapida approvazione. In effetti potrebbe essere la volta buona. Secondo il parlamentare del Partito democratico Kalid Chaouki, si potrebbe arrivare al voto prima di Natale

Si tratterebbe di introdurre nel nostro ordinamento il principio dello ius soli, in base al quale a determinare la cittadinanza è la terra in cui si nasce e non solo la famiglia in cui quali si nasce.

Si vuole anche affrontare il caso dei ragazzi stranieri nati all’estero ma giunti in Italia giovanissimi e cresciuti, al pari dei loro colleghi ‘nativi’,  come tutti i ragazzi italiani. E c’è, infine, la questione generale, cioè i tempi che occorrono a un adulto per diventare cittadino italiano. La legge stabilisce che lo straniero debba aver vissuto regolarmente nel nostro Paese per almeno dieci anni. Ma da quel momento ne passano mediamente altri quattro prima che la pratica si concluda.

Nei giorni scorsi è ripresa la discussione delle varie proposte di legge davanti alla Commissione Affari Costituzionali della Camera. Sono state avviate delle audizioni. Anche quella dei promotori della campagna “l’Italia sono anch’io” che, nel marzo del 2012, si concluse col deposito di due proposte di legge di iniziativa popolare. Una è quella sulla cittadinanza, l’altra prevede il diritto di voto passivo e attivo per gli stranieri alle elezioni amministrative.

Il fulcro della proposta di iniziativa popolare è l’introduzione di una forma ‘temperata’ di ius soli. Si prevede che i nati in Italia acquisiscano automaticamente la cittadinanza se uno dei due genitori risiede in Italia da almeno un anno. Quanto ai nati all’estero ma giunti in Italia da bambini (entro i dieci anni di età), la proposta prevede che possano chiedere la cittadinanza entro due anni dal compimento della maggiore età. Per gli adulti, il tempo di soggiorno regolare in Italia è dimezzato: da dieci a cinque anni.



   

 

 

2 Commenti per “L’Italia muore. La Camera si occupa di ius soli e voto agli immigrati”

  1. In un momento del genere la Boldrini dovrebbe andare abbondantemente in Africa a cercare qualche chilometrata di “IUS”, così tanto per rinverdire i fasti della sua giovinezza. Lungi qualunque sentimento razzista ma è il momento di pensare all’Italia e agli italiani. Altro che IUS SOLI e cazzate del genere. Evidentemente gli italiani non se la cacano più ed ha bisogno di nuove “leve”.

  2. NIENTE JUS SOLIS E NIENTE VOTO AMMINISTRATIVO AGLI STRANIERI XCHE’ IL VOTO AMMINISTRATIVO INFLUISCE SULLA SITUAZIONE POLITICA – IL PARLAMENTO DEGLI INCOSTITUZIONALI NON PUO’ DECIDERE SULLE LEGGI E SUL TERRITORIO ITALIANO, PROPRIETA’ ESCLUSIVA DEL POPOLO ITALIANO – IMPEDIRE QUESTA VERGOGNA – GIA’ SONO PREPOTENTI E INVADENTI E PARASSITI, AVESSERO PURE I DIRITTI POLITICI SAREBBE LA NOSTRA FINE A MENO CHE NON PRENDIAMO LE ARMI E LI CACCIAMO CON LA FORZA – TUTTI -

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -