Ocse: doccia fredda per Germania, Francia e Italia “ripresa deludente”

15 settembre – La ripresa “è rimasta deludente, in particolare nei maggiori Paesi come Germania, Francia e Italia”. Dopo il -1,8% segnato nel 2013, nel nostro Paese, il pil dovrebbe registrare un calo dello 0,4% nel 2014 e una crescita dello 0,1% nel 2015. E’ quanto stima l’Ocse nel suo ‘Interim Economic Assessment’.

economist

A maggio scorso l’Organizzazione per la cooperazione e sviluppo economico stimava un pil in crescita dello 0,5% in Italia (-0,9 punti di differenza rispetto alla nuova stima) quest’anno e dell’1,1% nel 2015 (-1 punto di differenza).

Per quanto riguarda il prodotto interno lordo nella zona euro, dopo -0,4% nel 2013, dovrebbe registrare una crescita dello 0,8% nel 2014 e dell’1,1% nel 2015.

L’economia mondiale continua a crescere a un ritmo moderato ma irregolare, sottolinea l’Ocse, segnalando come nel mercato del lavoro resti un livello di sottoutilizzo, soprattutto nella zona euro. Per l’organizzazione la crescita globale dovrebbe rafforzarsi nella seconda metà del 2014 e nel 2015, anche se crescono le differenze nell’andamento delle principali economie.

Una ripresa, sottolinea l’Organizzazione, “rimasta deludente, in particolare nei maggiori paesi come Germania, Francia e Italia”. Dopo +0,2% nel 2013, il pil in Germania comunque dovrebbe crescere dell’1,5 nel 2014 (contro +1,9% stimato a maggio) e nel 2015 (contro +2,1%). In Francia, dopo +0,4% nel 2013, dovrebbe crescere dello 0,4% nel 2014 (contro +0,9% stimato a maggio scorso) e dell’1% nel 2015 (contro +1,5%).

La fiducia nell’area dell’euro, sottolinea l’organizzazione internazionale, “si sta ancora indebolendo e lo stato anemico della domanda si riflette nel calo dell’inflazione, che è vicino a zero nella zona nel suo complesso e negativo in diversi Paesi”. Mentre la ripresa della crescita in alcune economie periferiche è incoraggiante, “un certo numero di questi paesi ancora deve affrontare notevoli sfide strutturali e fiscali, insieme con un patrimonio di alto debito”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -