Tunisino scappa per evitare l’espulsione, calci e pugni ai poliziotti

Brescia: polizia aggredita all’oratorio “Le due Sante”

polizia

9 settembre – Verso la mezzanotte tra domenica e lunedì 8 settembre, la polizia ha sorpreso nella zona Stazione Ferroviaria un cittadino tunisino del 1981, in Italia senza fissa dimora e con numerosi precedenti per spaccio, in possesso di un cacciavite e di un coltello da cucina. Fermato e fatto salire sulla Volante, è stato condotto in Questura e denunciato in stato di libertà per possesso ingiustificato di armi.

Il pomeriggio, dopo aver saputo che il giorno seguente sarebbe stato accompagnato in un CIE per essere espulso, lo straniero ha finto di accusare un malore. Accompagnato alla Poliambulanza ed accertate le sue buone condizioni di salute, nel far rientro in Questura ha spintonato un agente e si è dato a una fuga precipitosa.

Raggiunto all’interno del vicino oratorio “Le due Sante”, il 33enne ha reagito violentemente, prima minacciando i poliziotti, poi aggredendoli con calci e pugni. Bloccato a fatica, è stato arrestato per i reati di resistenza, violenza, minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale. Gli agenti se la sono invece cavata con traumi e ferite guaribili in pochi giorni.

bresciatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -